Tutti con Jean-Paul alla scoperta della verità

Il cadavere del mio nemico” (“Le corps de mon ennemi”, 1976) di Henri Verneuil, con Jean-Paul Belmondo, Benard Blier e Marie-France Pisier

Film tratto dall’omonimo romanzo di Félicien Marceau, racconta le vicende di François Leclerc (Jean-Paul Belmondo), giovane dedito alla bella vita, che dopo molte conquiste “ufficiose”, diviene l’amante di Gilberte Liégeard (Marie-France Pisier), la figlia del potente imprenditore Jéan-Baptiste Liégeard (Benard Blier),  proprietario dell’industria tessile della piccola città di Cournai. Il protagonista vi ritornerà dopo sette anni di prigione per duplice omicidio, causata da un regolamento di conti di un lucroso traffico di droga senza averne contezza, verificatosi nel night club da lui gestito. Ripercorre le vecchie strade del suo passato attraverso i luoghi che dal nulla lo hanno portato nell’alta società (e alla bella vita), dalla maestosa villa della bellissima e mai dimenticata amante Gilberte, fino al suo fidatissimo socio Raphael. Lo aiuteranno nella sua intricata indagine, con pazienza e dedizione nel cercare i particolari più insignificanti, gli stessi nascosti proprio come la verità.  Un thriller noir senza nessuna pausa, in cui man mano si scoprono le carte, come nella finta partita di poker, organizzata ad hoc, che gli servirà come pretesto per scoprire il vero assassino e per riacquistare quel senso di libertà assoluta, senza più pensare a ciò che è stato, per andare verso una nuova vita, la sua più grande conquista dopo aver conquistato molte donne.

Federico Casamassima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *